Happy Mary

 

di Lorenza Pieri con Laura Magni

regia di Roberta Lena

drammaturgia di Roberta Lena, Laura Magni e Lorenza Pieri

Ingresso con sottoscrizione

 

Vincitore V edizione “I Teatri del Sacro”
Vincitore Festival internazionale In Scena! 2018 Teatro italiano a New York

Perché di Maria si racconta solo il dolore? Perché il suo corpo è così diverso da quello di una donna normale? Invece di rappresentarne il pianto è possibile immaginarne la risata? A tutte queste domande tenta di rispondere Happy Mary, un “monologo polifonico” comico e profondo, in cui un’attrice sola sul palco costruisce una narrazione alternativa della figura della Madonna e ci porta con lei a ripensare in una prospettiva femminista ai modelli culturali, al ruolo delle donne nell’immaginario religioso, alle differenze generazionali, al corpo delle donne per la Chiesa, alla maternità, al dolore, all’ingiustizia, al coraggio, facendoci ridere e commuovere insieme.
Happy Mary è uno spettacolo irriverente e toccante, una sorta di cover della Madonna, che celebra la donna, il suo corpo, la sua gioiosa forza di riscatto. La Madonna, nel suo archetipo di modello femminile che dura da secoli, non viene più raccontata come una mater dolorosa, un concentrato di afflizione, ma come una donna forte dotata di fisicità e di felicità, che le sono state negate in ogni racconto tradizionale.
La voce narrante è quella di Chiara, una quarantenne che durante le vacanze di Pasqua torna al suo paese a trovare la nonna, cui ha promesso suo malgrado di interpretare il ruolo della Madonna nella processione. Chiara è un'attrice e non rinuncia a studiare accuratamente per vestire i panni del personaggio che deve interpretare: inizia così un percorso personale che la porterà a confrontarsi con la narrazione che di Maria è stata fatta nei secoli, quella di Addolorata e con l’urgenza di essere lei in prima persona a raccontarne un’altra versione. Attraverso un dialogo con la nonna che rappresenta inizialmente la visione più dogmatica e uno scontro di voci interiori, apparizioni e testimonianze sognate di vari personaggi dei Vangeli, una chiamata inaspettata, la protagonista ricostruisce una diversa idea della madre di Gesù, quella di una donna coraggiosa e una mamma gioiosa. In un crescendo intenso e esilarante, Chiara approderà alla piena identificazione con la figura di una nuova Maria nel momento in cui sta per interpretare l’abbraccio che avverrà con Gesù risorto. La Madonna che riabbraccia suo figlio si ribella all’idea di essere simbolo di dolore e sacrificio di sé e si fa portatrice di un messaggio che le è più consono: la spiritualità si scopre al mondo non solo attraverso il dolore, ma anche, e forse soprattutto, attraverso la grazia e la gioia che le donne sanno offrire e trovare nella vita.

Il testo nato da un’idea di Lorenza Pieri e scritto con Roberta Lena e Laura Magni non risparmia ironia e sarcasmo al fine di riscattare la narrazione di questa icona, con un’intensità leggera e commovente insieme. La regia di Roberta Lena sublima il talento di Laura Magni, intessendo una drammaturgia scenica vivace, spiazzante, polifonica per una sola attrice in grado di interpretare magistralmente sette personaggi diversi in cinquantacinque minuti di monologo.

https://www.facebook.com/happymaryateatro
https://www.produzionidalbasso.com/project/happy-mary/
compagnia.ql3@gmail.com
Laura Magni 347 9687981
Roberta Lena 338 4294361
Lorenza Pieri +1 571 3593891

21/11/2018

Spettacolo teatrale

Ore 21:00

Entrata: Via della Lungara 19

Organizza: Casa Internazionale delle donne - Compagnia QL3

Luogo: Centro congressi