La materia sensibile. Gianna Ciao fotografa e scrittrice

 

 

Archivia – Casa Internazionale delle Donne

rende omaggio a

 

Gianna Ciao Pointer
con una mostra fotografica e una tavola rotonda
a cura di Raffaella Perna
in collaborazione con Giovanna Olivieri e Maria Palazzesi

 

 

Figura eccentrica nel panorama culturale e fotografico italiano, Gianna Ciao nasce a Roma il 21 dicembre del 1922. Si iscrive alla facoltà di Lettere e Filosofia, ma non termina gli studi a causa delle sue posizioni politiche apertamente antifasciste, che la spingeranno a partecipare alle attività del Partito d’Azione nella lotta contro il nazi-fascismo. Ha vissuto per molti anni all’estero, soprattutto in Francia, a Saint-Paul-de-Vence, entrando in contatto con artisti, letterati e intellettuali, tra cui Jacques Prévert, Joan Mirò, Suzanne Solidor, Vita Sackville-West, Andrè Verdet, Carla Vasio.

 

La sua ricerca fotografica si è indirizzata verso forme astratte, in una concezione sperimentale e antireferenziale del linguaggio fotografico: “Quasi tutte le mie fotografie si esprimono informalmente: la foto a colori nel suo ritrarre il fittizio e il simile, nel suo ripetersi, ha creato in me, e certo in altri, il bisogno di farla scoppiare, di dissolverla”.


Ha esposto in numerose mostre, in Italia e all’estero; ha pubblicato inoltre diversi saggi sulla fotografia, dai quali emerge la figura di un’intellettuale raffinata e non allineata, dalle molteplici passioni: il cinema, la filosofia, la poesia, la storia degli Indiani d’America.


Concepita come un evento della durata di un giorno, la mostra propone una proiezione di circa quaranta diapositive e una ricca selezione di stampe fotografiche, libri fotografici, saggi e cataloghi conservati nel Fondo Gianna Ciao (Archivia), accompagnate da una registrazione audio realizzata da Elena Biagini per il saggio R/esistenze. Giovani lesbiche nell’Italia di Mussolini pubblicato nel libro Fuori della norma. Storie lesbiche nell’Italia della prima metà del novecento, a cura di Nerina Milletti e Luisa Passerini (Rosenberg & Sellier, 2007), in cui Gianna Ciao racconta la sua storia, i suoi amori, le sue inquietudini esistenziali.

Ore 18:30-19:30
Saluti: Maria Palazzesi Responsabile attività culturali Archivia

Tavola rotonda con:
Pino Bertelli, Edda Billy, Raffaella Perna, Sara e Rivka Spizzichino, Carla Vasio

Durante la serata si potrà gustare un aperitivo offerto da Archivia-Casa Internazionale delle Donne.
 

06/05/2017

Mostra e Tavola rotonda

Ore 18:00 - 23:00

Entrata: Via della Lungara 19

Organizza: Archivia - Casa Internazionale delle Donne

Luogo: Centro congressi