L’affido – una storia di violenza

 

con: Denis Ménochet, Léa Drucker, Thomas Gioria, Mathilde Auneveux, Saadia Bentaieb, Florence Janas, Coralie Russier, Mathieu Saikaly.

In caso di pioggia la proiezione si terrà all'interno, nella Sala Lonzi

 

Trama

I Besson divorziano. Per proteggere il figlio dal padre violento, Miriam ne chiede la custodia esclusiva ma il giudice impone un affidamento condiviso. Antoine riesce così a mantenere i suoi diritti di padre e la presa sulla moglie. Julien, il loro figlio, farà di tutto affinché non accada il peggio.

 

L'AFFIDO: LA PAURA DELLE VIOLENZE DOMESTICHE

Diretto e sceneggiato da da Xavier Legrand, L'affido racconta le conseguenze del divorzio di Miriam e Antoine Besson. Dopo aver deciso di separarsi, Miriam cerca di ottenere l'affidamento esclusivo del figlio Julien per proteggerlo dal padre, che afferma essere un uomo violento. Antoine, dal canto suo, sostiene che il rapporto con l'ex moglie non debba inficiare quello con il figlio e la giustizia arriva per tale ragione a un compromessola custodia congiunta. Ostaggio dell'escalation del conflitto tra i genitori, Julien sarà testimone dell'orrore che certe pareti domestiche fin troppe volte nascondono.

Con la direzione della fotografia di Nathalie Durand, le scenografie di Jérémie Sfez e i costumi di Laurence Forgue-LockhartL'affido viene così raccontato dal regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Venezia 2017: "Già in un mio precedente corto avevo trattato il tema della violenza domestica e della paura. Anche L'affido tratta lo stesso argomento ed è incentrato sulla paura... sulla paura generata da un uomo pronto a tutto pur di tornare insieme con una donna che vuole scappare dalla sua violenta indole. Antoine è una minaccia costante per coloro che lo circondano: fa vivere tutti in stato di tensione, sente solo la propria sofferenza ed è disposto a manipolare chiunque per ottenere ciò che vuole. Le donne che hanno subito violenze domestiche, come Miriam, sono sempre in uno stato di allerta. Sono consapevoli del fatto che il pericolo può presentarsi in qualsiasi momento e che nessuno è al sicuro. In Francia, muore una donna ogni due giorni per violenze domestiche e anche se i mass media ne parlano la questione rimane in parte un tabù. Le vittime hanno paura di farsi avanti, i vicini e i familiari non dicono nulla per non interferire nella relazione di coppia e vige un silenzio assoluto. Non ho realizzato Custody per trattare un tema alla moda ma solo per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'argomento: del resto, il cinema ha il grande potere di coinvolgere lo spettatore. Hitchcock, Hanke o Chabrol, ci insegnano che occorre giocare sempre con l'intelligenza e i nervi del pubblico: e questa è la ragione per cui L'affido è anche un film molto teso, che gioca con i codici di differenti generi cinematografici, dall'horror al thriller.

14/06/2018

anteprima del film

Ore 21:00

Entrata: Via della Lungara 19

Organizza: PFA Films - Nomad Film – D.i.Re - Casa Internazionale delle donne

Luogo: Cortile