Il ritorno delle cinepioniere

IL RITORNO DELLE CINEPIONIERE
La presenza delle donne nei mestieri del cinema, dalla regia alla recitazione e dalla sceneggiatura al montaggio, fu massiccia e significativa fino al 1930, in Europa e negli Stati Uniti. Con l’avvento del sonoro, le donne furono per lungo tempo relegate in ruoli di "star" o di "femme fatale" e in posizioni subalterne.
Archivia, la biblioteca che raccoglie una ricchissima produzione della teoria e della pratica del movimento femminista, sita nel cuore di Roma, si propone attraverso una rassegna cinematografica denominata "Il ritorno delle cinepioniere" di recuperare e eventualmente colmare i vuoti di memoria.

Si inizia con la francese Alice Guy, la prima regista e produttrice cinematografica, per continuare con le americane Lois Weber e Dorothy Azner, fino ad arrivare all'italiana Elvira Notari. Alcune di loro fanno parte delle avanguardie artistiche del 900, altre hanno lavorato ad Hollywood o in Italia. Personalità e nazionalità diverse ma con un filo rosso che le lega: tutte hanno messo la soggettività femminile al centro del loro lavoro e tutte sono riuscite a ritagliarsi un ruolo originale e indipendente rispetto ai codici cinematografici e allo star system.

 



VENERDI’ 14 MARZO

Ore 18:30 Il ritorno delle CINE PIONIERE

GERMAINE DULAC, L’AVANGUARDIA FEMMINISTA

Estratti di ‘La coquille et le clergyman’ (1927),
Thèmes et variations, L’invitation au voyage. Mediometraggio “La souriante Madame Beudet”.

 


 

VENERDI’ 28 MARZO

Ore 18:30 Il ritorno delle CINE PIONIERE

LE PRIME PAROLE DI GRETA GARBO

‘Anna Christie’, il primo film sonoro interpretato dalla ‘divina’

 


 

VENERDI’ 4 APRILE

Ore 18:30 Il ritorno delle CINE PIONIERE

LA CARICA DELLE ITALIANE

Spezzoni di film di Elvira Notari, Lea Giunchi, Elvira Giallanella, Maria Jacobini, Francesca Bertini, Eleonora Duse