Terra Barbara

Un racconto autobiograficao, un progetto collettivo condiviso da Irene Iorno con i suoi medici e i componenti della sua famiglia allargatadi Irene Iorno

Ne parlano
Gabriella Nisticò (Archivia)
Sandra Giuliani (Il Caso e il Vento)
Pierluigi Gargiulo (UniversitàRoma TRE)
Maria Palazzesi (Zora Neale Huston)
Livia Geloso (Ass. Simonetta Tosi)
Marina Pivetta (Il Paese delle Donne)

Sarà presente l'autrice e le "persone libro" dell'Ass. Donne di Carta

C'era forse una volta il mio mondo... Si vive distratte, certe che il mondo che ci circonda o quello fantastico e personale non vadano mai via e poi lentamente tutto si sgretola o diventa inaccessibile o diventa impossibile abitarlo.
La vita allora si trasforma, in questa lentissima e inesorabile perdita, in un tentativo di adattamento e anche di conquista di qualcosa di completamente diverso: noi.

... La storia di Irene Iorno è il diario di una malattia che sgretola l'identità e di come la reinvenzione di se stessa costruisca un metodo clinico ed estetico di resistenza che coinvolgerà anche i medici facendo della sua storia uno strumento terapeutico.
Ci sono resistenze e illuminazioni nella sofferenza che sono un inno alla vita.

E vanno condivise non solo con chi conosce il dolore ma soprattutto con chi, come noi, vive distrattamente pensando che tutto quello che ha e che è non cambierà mai.
In questa giornata di presentazione con le persone libro e i medici, le amiche ossia le "sorelle", i parenti... cercheremo di entrare nel Mondio di Irene in punta di piedi, a voce bassa, senza disturbare: "E se cercare è sempre stata l'unica cosa che mi è riuscita meglio fare, allora scelsi di usarla tentando di trasformare la mia giornata in una serie di giochi da compiere che, messi insieme, dopo anni mi furono riconosciuti con l'espressione di costante riabilitazione..."
Un libro che ama la vita. E l'amore, vero, non grida.

Sandra Giuliani, l'editora