Storia della bambina infranta

venerdì
19 Gennaio 2024
ore 17:00

Organizzato da:

puntoacapo Editrice

Sala Simonetta Tosi / Casa Internazionale delle Donne

Salva nel calendario
BEGIN:VCALENDAR
VERSION:2.0
BEGIN:VEVENT
DTSTAMP:20240119T121336Z
STATUS:CONFIRMED
UID:6103casainternazionaledelledonne
DTSTART:20240119T170000
DTEND:20240119T190000
SUMMARY:Casa Internazionale delle Donne - Storia della bambina infranta 
DESCRIPTION:Sala Simonetta Tosi Presentazione libro informazioni: https://www.casainternazionaledelledonne.org/eventi/storia-della-bambina-infranta/ 
X-ALT-DESC;FMTTYPE=text/html:Description of the event
LOCATION:Casa Internazionale delle Donne 
BEGIN:VALARM
TRIGGER:-PT15M
ACTION:DISPLAY
END:VALARM
TRANSP:OPAQUE
END:VEVENT
END:VCALENDAR

Presentazione del volume di poesie
Storia della bambina infranta (dialoghi nudi)
(Puntoacapo Editrice, 2023)

Intervengono in dialogo

Gisella Blanco (critico e poeta)
Filippo Golia (Giornalista)
Davide Toffoli (poeta e critico)
Luisa Trimarchi (autrice e poetessa)

Storia della bambina infranta (dialoghi – nudi) è un progetto che sceglie di unire la parola alla rappresentazione grafica dei versi… Si tratta di un’indagine a partire dall’utero fino ad arrivare oltre la morte stessa e che porta con sé le storie di un’unica donna, la bambina infranta, la quale parla in maniera intermittente – per sempre – all’interno di ogni donna, purtroppo spesso destinata a restare inascoltata. Le poesie sono il frutto di un lungo percorso interiore e stilistico: il cercare di dare forma a questa voce che batte, appunto, da dentro fino ad esplodere in maniera sconsiderata in un mondo reale che fatica a contenerla. Da qui nascono l’uso del trattino, dei dialoghi, delle parentesi, caratteristiche peraltro già fondanti della poesia di Luisa Trimarchi. (Dalla Prefazione di Davide Toffoli)

Luisa Trimarchi con la raccolta Storia della bambina infranta (dialoghi-nudi) (Puntoacapo Editrice, 2023) realizza un’opera cruda, densa di spasimo, di ferite aperte fino a condurre in un vortice doloroso che lascia fitte enormi nel petto. La bambina infranta è protagonista assoluta, intesse dialoghi con sé stessa, la madre e l’ambiente. Come suggerito dal titolo sono dialoghi nudi, senza filtro; le ambiguità sono azzerate dalle descrizioni dettagliate seppur segmentate, frammentate come la bambina stessa. (Elisa Virzì su AlmaPoesia)

Questa silloge, che ho avuto il privilegio di leggere in anteprima, per me, per come è risuonato in me, parla di un trauma inguaribile che ti annienta, ma non abbastanza da dimenticarlo.
Bisogna essere coraggiose per stare in questo annientamento e descriverlo. E ci sono frantumi, porte che non corrispondono alle chiavi, un’avventura nelle ombre, nella ricerca di un sé possibile, una speranza nella disperazione.
E i disegni bellissimi… oddio, i disegni sono amalgamati alle parole, si leggono, mentre si guardano i versi. (Anna Segre)

Presentazione libro evento gratuito