Women of the Waterfront

mercoledì
6 Dicembre 2023
ore 14:00

Organizzato da:

NextGenerationEU Project ‘Ondine’ – Uni Tor Vergata

Sala Simonetta Tosi / Casa Internazionale delle Donne

Salva nel calendario
BEGIN:VCALENDAR
VERSION:2.0
BEGIN:VEVENT
DTSTAMP:20231206T121336Z
STATUS:CONFIRMED
UID:6108casainternazionaledelledonne
DTSTART:20231206T140000
DTEND:20231206T190000
SUMMARY:Casa Internazionale delle Donne - Women of the Waterfront 
DESCRIPTION:Sala Simonetta Tosi Convegno informazioni: https://www.casainternazionaledelledonne.org/eventi/women-of-the-waterfront/ 
X-ALT-DESC;FMTTYPE=text/html:Description of the event
LOCATION:Casa Internazionale delle Donne 
BEGIN:VALARM
TRIGGER:-PT15M
ACTION:DISPLAY
END:VALARM
TRANSP:OPAQUE
END:VEVENT
END:VCALENDAR

International Hybrid Workshop ‘Women of the Waterfront. Gendering Ports, Careers, Relations and (Everyday) Life Trajectories in Modern Times’

Il workshop ha lo scopo di evidenziare le modalità attraverso cui la (dis)appartenenza di genere, le relazioni tra sessi, classi, generazioni, nazionalità/’razze’ o altri tipi di appartenenza e, infine, i modelli di quotidianità hanno modellato o influenzato le culture del lavoro e/o d’impresa, nelle città portuali/emporiali – in particolare, imperiali e/o coloniali – in Età contemporanea (XIX-XX secolo).

Quando si pronuncia la parola ‘porto’, le prime immagini che viengono in mente – dopo le navi e le banchine – sono quelle di marinai, mercanti, viaggiatori/turisti e, infine, di migranti. Nell’immaginario collettivo tutti questi soggetti sono uomini, e, allo stesso modo, le città portuali sono solitamente connotate come ambienti maschili. Tuttavia, considerando che gli uomini delle città portuali – a loro volta marinai, mercanti, viaggiatori o migranti – erano spesso e per lunghi periodi lontani da casa, i contesti delle città marittime erano in realtà spazi che consentivano alle donne, soprattutto delle classi subalterne, notevoli spazi di manovra sia dal punto di vista economico e sociale, ma anche relazionale e culturale.

A questo proposito, è essenziale comprendere che anche le donne scelsero – e scelgono tutt’ora – di lasciare le proprie comunità di origine per perseguire nuovi orizzonti lavorativi, sociali ed economici, spesso in altre città portuali, talvolta oltreoceano. In tal modo, le lavoratrici/imprenditrici migranti sono state in grado di riconfigurare e riformulare le relazioni e i ruoli di genere, al di fuori delle tradizionali e dominanti norme socio-culturali.

Il workshop è aperto al pubblico e si svolgerà in modalità ibrida. Per info e iscrizioni per partecipare al workshop on-line contattare:
Erica Mezzoli (Ondine NextGenerationEu Project – University of Rome Tor Vergata) wow.rome2023@gmail.com Erica.Mezzoli@uniroma2.it


The workshop is organised in the framework of the NextGenerationEU Project ‘Ondine. Women’s Labour and Everyday Life on the Upper and Eastern Adriatic Waterfronts, mid-19th century–mid-20th century’ (Funded by EU; CUP E53C22002420001) hosted by the Department of History, Humanities and Society of the Tor Vergata University of Rome.

Convegno