I morti non parlano

Giovedì 21 ore 17:30

Dopo un viaggio in Colombia insieme al settore internazionale di Libera, Flavia Famà decide di dare voce alle storie che ascolta. Vittime di crimini di Stato, ma non solo. Madri che cercano i propri figli scoparsi e figli che riescono a liberarsi dell’eredità del conflitto per costruire una pace autentica e duratura. Tra questi Juan Camilo Zuluaga, che oltre ad essere il referente per l’Italia del Nodo Italia a sostegno della CEV (Comisión de la Verdad), è un testimone diretto del conflitto. Il trait d’union tra l’autrice e Juan Camilo, la cui storia è quella con cui si apre il libro, è l’associazione Libera, che ci verrà raccontata da Giulia Poscetti, referente America Latina del settore internazionale, grazie alla quale la memoria è divenuta un ponte che unisce storie e ricordi per trasformarle in impegno.

Evento a numero chiuso, per prenotare scrivere a: international@libera.it

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

Non bastarsi

11 ottobre ore 17,30

Non bastarsi per liberarsi da amori violenti, per coronare amori non accettati, non bastarsi per rincorrere lancette di orologi ormai fermi.
Con la poesia per ritrovare l’anima, il corpo e lo sguardo sul mondo

Per prenotarsi scrivere a 333.4232065

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

Alfabeto quotidiano

Un libro frutto di un dialogo serrato con Gioconda Marinelli

Dacia Maraini presenta il suo “Alfabeto quotidiano” a Roma

L’appuntamento è sabato 30 ottobre, alle ore 17, alla Casa Internazionale delle Donne: Tiziana Ferrario ed Eugenio Murrali si confrontano con Maraini e Marinelli

Dacia Maraini si racconta per la prima volta in un ritratto intimo, personale, inedito. “Alfabeto quotidiano. Le parole di una vita” (collana La camera del fuoco, 128 pp., 13,50 euro), Dacia Maraini con Gioconda Marinelli, è un libro Marlin editore, casa editrice fondata da Tommaso e Sante Avagliano. La presentazione è in programma sabato 30 ottobre, alle 17.00, nella sala “Carla Lonzi” della Casa Internazionale delle Donne, ingresso via San Francesco di Sales 1/A, a Roma. Per l’occasione, i giornalisti Tiziana Ferrario ed Eugenio Murrali si confronteranno con Dacia Maraini e Gioconda Marinelli. Letture a cura dell’attrice Ingrid Sansone. Sarà presente l’editore Sante Avagliano che interverrà per un breve saluto. Ingresso libero con obbligo di Green Pass con documento di identità o, in alternativa, l’esito negativo di un tampone eseguito entro 48 ore dalla data dell’evento.

Prenotazione obbligatoria alla mail ufficiostampa@marlineditore.it.

Frutto di una lunga amicizia, questo testo raccoglie, attraverso 250 parole, un’ampia conversazione tra la grande scrittrice e Gioconda Marinelli sui più svariati argomenti: da quelli quotidiani alle passioni e alle battaglie di sempre, presentati in ordine alfabetico.

In primo piano un confronto serrato fra la grande autrice e una giornalista e scrittrice sensibile e competente in un libro appassionante. In occasione della presentazione romana, Tiziana Ferrario, celebre conduttrice Rai e autrice di molti libri, Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana per l’impegno civile come giornalista inviata in aree di guerra, ed Eugenio Murrali, giornalista culturale e fra le pubblicazioni autore (con Maraini) del volume “Il sogno del teatro. Cronaca di una passione”, dialogheranno con le autrici e grande spazio sarà dato alle parole semplici e profonde che animano il mondo variegato di una scrittrice di rilievo internazionale, tradotta in una ventina di Paesi.

In questo libro, l’autrice di successi di critica e pubblico come “La lunga vita di Marianna Ucrìa” e vincitrice dei premi Strega e Campiello rivela squarci significativi del proprio mondo interiore e affronta senza remore sentimenti, valori, emozioni, piccole debolezze, convincimenti, ferite, abitudini ed esperienze.

Nella sua introduzione, dal titolo “Volare con le parole”, Dacia Maraini definisce il libro dotato del “ritmo di una partita di ping pong”: «Gioconda Marinelli mi ha proposto questo gioco dei vocaboli e io, dopo varie perplessità, l’ho accettato. E devo dire che mi sono divertita. Ci siamo divertite. Il ritmo è sempre stato un motivo di allegria per me: il ritmo delle parole, il ritmo del pensiero, il ritmo del ballo, il ritmo del respiro, il ritmo dei passi. (…) Il ritmo quindi è volo. Le parole scappano dalle mani e prendono a volteggiare per la pura gioia di tenersi sospesi per aria. È un sogno che faccio spesso. Ecco io spero che leggendo questo libro si sia presi dalla voglia di giocare e di volare da un tetto all’altro solo per il piacere di farlo».
«C’è tutto il mondo privato e professionale di Dacia Maraini scandito in 250 parole» (Marzia Apice, Ansa).

La scheda del libro: https://www.marlineditore.it/shop/86/86/1885_alfabeto-quotidiano.xhtml?a=30,

Intervista con le autrici: https://www.youtube.com/watch?v=GZ1os5Ypmyw&t=614s

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

Lady Cinema: Guida pratica per attivare le tue lenti femministe di Valentina Torrini

Venerdì 1 ottobre ore 17.30 – Sala Carla Lonzi – Casa Internazionale delle Donne

LE PLURALI EDITRICE

Lady Cinema. Guida pratica per attivare le tue lenti femministe di Valentina Torrini. Prefazione di Marina Pierri

Con l’autrice dialogano Ludovica Jaus e Maria Iovine

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

Eleanor Roosevelt. Una first lady per il mondo di Rossella Rossini

Mercoledì 29 ore 17.30 – Giardino del Centro Giovani I Municipio

EDIZIONI DI STORIA E LETTERATURA

Eleanor Roosevelt. Una first lady per il mondo di Rossella Rossini

Con l’autrice interviene Norma Rangeri

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

Guida affettiva di Roma

mercoledì 29 settembre ore 16:30

La pubblicazione è il frutto di un lungo percorso di scrittura autobiografica realizzato da CORA ROMA onlus grazie al contributo dell’otto per mille della Chiesa Valdese. A questo progetto hanno preso parte donne e uomini che hanno attraversato, nella diverse fasi della vita, strade, vicoli, piazze, ville di Roma. Le loro storie personali di vita si son intrecciate con i luoghi frequentati, vissuti, abitati e attraversati. All’interno troverete anche spunti e suggestioni per realizzare la vostra Guida affettiva della città.

Per partecipare all’evento è’ necessaria la prenotazione tramite mail all’indirizzo coraromaonlus@gmail.com entro lunedì 27 settembre. Requisito fondamentale è essere in possesso del Green pass. Per saperne di più visita la pagina facebook di CORA ROMA ONLUS Vi aspettiamo!

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

Le radici nell’acqua

Martedì 5 ottobre ore 17:30

Dr.ssa Augusta Angelucci, psicologa, esperta in cooperazione internazionale
Dr.ssa Valentina Parisi, segretario generale di NeW, esperta in migrazioni

Interviene: Vincenza Lorusso, medico infettivologo (autrice)

Mentre stringe tra le mani un articolo di giornale, Vincenza sogna il suo futuro: lavorare come medico nei Paesi in Via di Sviluppo, per curare i più poveri, gli ultimi della Terra. Il sogno diventa realtà e la giovane studentessa di medicina parte senza temere ostacoli, carica di una passione e una dedizione così forti che nemmeno un attentato che ha rischiato di strapparle la vita a ventisette anni, in Guatemala, frena la sua coraggiosa determinazione.
Vincenza si racconta attraverso le sue missioni in giro per il mondo, in Angola, Tanzania, Mozambico, Uganda, Brasile, sempre insieme alla sua piccola Emily. Dall’infanzia pugliese in una famiglia profondamente legata alla terra e alle tradizioni, spicca il volo con coraggio e risolutezza per realizzare il futuro che immaginava n da bambina. Emozioni, soddisfazioni, amori, ma anche inevitabili cadute, fallimenti e so erenze
di una vita senza radici, il tutto impreziosito da un pizzico di ironia che rivela la tridimensionalità di una donna forte e fragile, sempre straordinariamente umana, indiscutibilmente unica.

Per prenotazioni scrivere al numero 3667435341 (whatsapp)

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

Stagioni e Le forbici del sarto

Venerdì, 8 ottobre 2021 alle ore 17,00
Sala Tosi

Incontri d’autore con
Claudia Formiconi, scrittrice e poetessa

Vincenzo Faustinella, giornalista e scrittore

Interverranno

Elena Lattes, critica letteraria e blogger

Alan David Baumann, giornalista e scrittore
Direttore della rivista online L’Ideale.info

Pino Pelloni, giornalista e scrittore
Segretario generale della Fondazione Levi-Pelloni.

Durante l’incontro si parlerà delle ultime fatiche letterarie di Claudia Formiconi, autrice della raccolta di poesie Stagioni (Edigrafema-2021), e Vincenzo Faustinella, autore del racconto storico-biografico Le forbici del sarto (Genesi Editrice-2020).
Stagioni è l’ultima raccolta di poesie scritte da Claudia Formiconi, a conclusione di una personale trilogia di versi di cui ricordiamo i precedenti titoli: Contrasti (Bastogi – 2013, presentazione di Grazia Fresu) e Scrivo versi nudi (Bastogi–2016, presentazione di Gheti Valente, nota di Giorgio Barberi Squarotti), quest’ultima presentata presso la Casa Internazionale delle Donne di Roma nel mese di febbraio 2017.
La raccolta Stagioni è una rappresentazione poetica del tempo vissuto tra dolore e gioia, fatica e godimento, odio e passione, bianco e nero; è l’antitesi che si fa portavoce dell’esistenza. Il piede alato rievoca, con il proprio volo, l’equilibrio instabile spesso precario, doloroso, al contempo passionale e carnale, con la nuda terra; richiama a ciò per cui l’animo è fatto… tendere all’infinito con tutto ciò che si è e si è stati. Quella proposta da Claudia Formiconi è una poesia che ci rigenera, dilata il nostro tempo, lenisce la disillusione e restituisce quel tempo di aristotelica memoria alla nostra memoria che resiste ad ogni tempo e che è più tenace del “bronzo oraziano”; i suoi versi sono perle da contemplare in tutto il loro splendore di riflessi multicolori con decisa prevalenza del rosso passione. Sono – malgrado l’incedere delle stagioni – gioielli senza tempo!. Versi che, nel loro dispiegarsi consegnano al lettore momenti densi di sensazioni.
Vincenzo Faustinella, già autore in passato di libri di poesie e opere teatrali, tra cui ricordiamo Il cortile della mente (La Sociale – 1987, presentazione di Dario Bellezza) e L’Uomo e l’Albero (Angeletti-1991, presentazione di Gianni Borgna), negli ultimi vent’anni si è occupato principalmente di ricerca storiografica. Con Le forbici del sarto è alla sua prima esperienza nel campo della narrativa. L’opera è già stata presentata in diverse occasioni, tra cui, nel mese di luglio scorso, presso l’Antico Caffè San Marco di Trieste. Le forbici del sarto è un racconto storico-biografico, che si affida a immagini oniriche, apparse nello stato di dormiveglia, per ripercorrere un viaggio a ritroso nel passato dell’autore: dall’infanzia all’adolescenza, ai momenti della sua giovinezza, per condurre il lettore fino agli anni recenti che chiudono la narrazione con un finale a sorpresa.
In questa ricostruzione, l’autore, parlando di sé in prima persona e della sua storia personale, riporta alla luce fatti e personaggi della realtà, affidandosi all’intermittenza di immagini che si ricompongono nella forma letteraria così come appaiono in sogno. Pertanto, il testo finale non segue uno sviluppo lineare, una cronologia precisa degli eventi; procede all’interno di un labirinto mentale che non indica al lettore una facile via d’uscita, ma cerca di condurlo ad essa con una serie di messaggi che dovrà intercettare ed interpretare.

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

In fondo al desiderio – dieci storie di procreazione assistita

Giovedì, 30 settembre 2021 alle ore 18.30
“In fondo al desiderio – dieci storie di procreazione assistita” di Maddalena Vianello (fandango editore).

Interverranno, insieme all’autrice:
Maura Cossutta, presidente della Casa internazionale delle donne
Cecilia D’Elia, portavoce nazionale della Conferenza delle Democratiche
Paola De Micheli, deputata del PD
Lidia Ravera, scrittrice
Giorgia Serughetti, filosofa politica

Le bambine e i bambini, nati in Italia nel 2018 grazie alle tecniche di Procreazione medicalmente assistita
(Pma), sono il 3,2%. Vuol dire che esistono oltre 14.000 figlie e figli di persone che hanno affrontato questi
percorsi. Allargando la fotografia a tutte quelle donne che decidono di avere un figlio da sole o con un’altra
donna in una coppia lesbica, ovvero alle soggettività che non rientrano nella visione normativa della legge 40
del 2004, i numeri crescono ancora. Malgrado ciò, della Pma si parla poco sia in ambito pubblico, sia in quello
privato. L’opposizione arriva da fronti diversissimi, tanto il movimento per la vita quanto alcune frange del
femminismo, e quel che resta è un silenzio rotto da qualche voce solitaria. Un silenzio che risuona di dubbi,
paure, solitudini ma anche di determinazione, consapevolezza, alleanze, desiderio. Maddalena Vianello si
mette in ascolto di un fenomeno che coinvolge decine di migliaia di donne, che si affidano alla Procreazione
assistita con motivazioni ed esiti differenti. Lo fa attraverso le voci di dieci donne che hanno voluto condividere
la loro esperienza, per tutte le altre. Perché il personale è politico. Un libro che colma un vuoto narrativo e lo
riempie di umanità.
Maddalena Vianello è professionista della progettazione e organizzazione culturale. Esperta di politiche di
genere e nell’ambito della violenza maschile contro le donne, attualmente lavora all’Assessorato alle Pari
Opportunità della Regione Lazio. Femminista, tiene il blog Femministerie con alcune compagne di avventura.
Con altre organizza inQuiete festival di scrittrici a Roma. Ha pubblicato Fra me e te (Edizioni et al., 2013),
scritto a quattro mani con sua madre, Mariella Gramaglia.


Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

EMME EFFE. Maternità Femministe ( DWF )

Mercoledì 22 settembre alle ore 17.30 in presenza presso il giardino della Casa Internazionale delle Donne si terrà la presentazione di

EMME EFFE. Maternità Femministe ( DWF )

Intervengono Teresa Di Martino, Sandra Burchi, Angela Ammirati, Federica Castelli

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

Se la felicità. Per una critica al capitalismo a partire dall’essere donna

Lunedì 20 settembre 2021 alle ore 18.00 in presenza presso il giardino della Casa Internazionale delle Donne si terrà la presentazione di
Se la felicità. Per una critica al capitalismo a partire dall’essere donna ( VANDA EPUBLISHING ) di Alessandra Bocchetti, Rossana Rossanda, Christa Wolf.

Intervengono Alessandra Bocchetti, Paola Tavella e Livia Turco

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

ENCICLOPEDIA DELLE DONNE

Venerdì 17 ore 17.30
Giardino della Casa internazionale delle Donne

ENCICLOPEDIA DELLE DONNE

Le novità di enciclopediadelledonne.it

Le editrici Rossana Di Fazio e Margherita Marcheselli dialogano con Vittoria Longoni

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

“Io sarò il rovo”

Mercoledì 15 ore 17.30
Giardino della Casa internazionale delle Donne

EFFEQU

Io sarò il rovo. Fiabe di un paese silenzioso di Francesca Matteoni.

Con l’autrice interviene Gaja Lombardi Cenciarelli

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

La donna gelata

La donna gelata

Venerdì 10 settembre alle ore 17.30

nel giardino della Casa Internazionale delle Donne, nel contesto della quarta edizione di Feminism, verrà presentato “La donna gelata” di Annie Ernaux, edito L’Orma. In presentazione intervengono Chiara Tagliaferri e Lorenzo Flabbi.

La generazione del deserto

La generazione del deserto

Storie di famiglia, di giusti e di infami durante le persecuzioni razziali in Italia

Giovedì 9 settembre alle ore 18.00
nella Sala Tosi della Casa Internazionale delle Donne, nel contesto della quarta edizione di Feminism, presentiamo “La generazione del deserto. Storie di famiglia, di giusti e di infami durante le persecuzioni razziali in Italia” di Lia Tagliacozzo, edito MANNI. Con l’autrice dialoga Anna Segre.

“UCCISE DAL TALENTO”

Lunedì 13 settembre ore 17.30 sala Tosi

La casa editrice Porto Seguro è lieta di presentare ” Uccise dal talento” di Alma Daddario e Paola Dei

Presenta Isabella Moroni direttrice del web magazine ArtApart of Culture
Letture
a cura delle attrici Anna Teresa Rossini e Silvia Siravo
Interviene
Alice Milazzo della casa editrice Porto Seguro

Saranno presenti le autrici

Una drammaturga e una psicocritica raccontano dodici donne con stili e competenze diverse, disvelandone luci e ombre della personalità. Tra le dodici artiste, dotate di un talento fuori dal comune, che hanno lottato con determinazione per affermarsi in ambiti difficili, in cui tutti gli aspetti gestionali e decisionali erano prerogativa maschile: Judy Garland, che durante la lavorazione del Mago di Oz avrebbe subito molestie di ogni genere, Natalie Wood, spinta da una madre ambiziosa a esibirsi sin da bambina in film che l’avrebbero lanciata come “enfant prodige”, la cui misteriosa fine è a tutt’oggi un “cold case” ancora irrisolto, Frances Farmer, vittima oltre che della “macchina per soldi” di Hollywood, di una madre crudele, che ne avrebbe condizionato la vita sino ad azzerarne la personalità, attraverso la lobotomia. E ancora: Veronica Lake, sfruttata da un marito-regista, che l’avrebbe fatta sprofondare nella depressione, la bellissima e nevrotica Vivien Leigh, in continua competizione con il marito divo Lawrence Olivier, l’appassionata e ingenua Annamaria Pierangeli, grande amore di James Dean, la candida e scandalosa Linda Lovelace, caduta nella trappola del porno, la sfortunata Laura Antonelli, obbligata a sottoporsi a interventi di ringiovanimento per conservare l’immagine dell’eterna giovane seduttrice del cult “Malizia”, la carismatica ma ingenua Maria Callas con i suoi amori sbagliati che ne avrebbero compromesso la carriera. L’irruenta e ribelle Lupe Velez, la venere nera Dorothy Dandridge, prima attrice afroamericana ad avere la nomination all’Oscar come protagonista, e ancora Edith Piaf, passerotto dalla voce potente che ne sovrastava il corpo. Le loro vite private sono state fortemente condizionate dal percorso artistico e viceversa. Tutte hanno lasciato un segno indelebile nella storia dello spettacolo, e niente dopo di loro sarebbe stato come prima.

Note di prefazione e di introduzione a cura di: Nicola Borrelli, Paola Tassone, Rosella Tomassoni, e un’intervista a Antonio Prata, direttore del Film Festival dei Diritti Umani di Lugano.

Le autrici, la presentatrice e le attrici partecipanti, dedicano questo evento a tutte le donne Afgane, auspicando che i loro diritti vengano rispettati in tutti i campi, nell’istruzione, nel lavoro, nelle loro vite.

Si ringrazia per la collaborazione Maria Caterina Dei titolare delle Cantine Dei.

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

Il numero di presenze è limitato per le normative Covid. Pertanto è richiesta una conferma per la partecipazione al seguente link: https://forms.gle/TuAofpGRdFWanBvk6

SESSISMO

28 settembre 2021, ore 18.00
Sessismo: presentazione del volume di Stefania Cavagnoli e Francesca Dragotto (Mondadori Education)

Più facile da definire che da riconoscere nelle azioni, verbali e non, che permea di sé, il sessismo costituisce una forma di discriminazione delle persone sulla base del sesso e del genere di appartenenza.
Si sorregge e si esprime in una ‘visione del mondo’ per la quale, come corollario del riconoscimento, nell’individuo, dell’appartenenza a uno dei due generi sessuali, gli si attribuiscono qualità, anche caratteriali, e ruoli. Modi di essere e spazi di azione che prescindono dalle potenzialità, dall’autopercezione e dalle aspirazioni proprie della singola persona ma che vengono comunemente riconosciute e accettate come ‘normali’ in forza del ruolo che le narrazioni sociali hanno nella creazione della conoscenza condivisa in cui si riconosce una società.
Breve il passo che conduce alla stigmatizzazione e, spesso, alla discriminazione, anche ‘solo’ morale, di chi, non rassegnandosi allo spazio in commedia di propria competenza, ricerca una emancipazione dal copione e rivendica il diritto di recitare a soggetto.
In tal senso è necessaria una riflessione sulle norme a protezione dei soggetti che non si riconoscono in ruoli predefiniti.
Il volume, del quale parleranno con le autrici Dacia Maraini, Daniela Carlà (coordinatrice di Noi Rete Donne) e Cecilia Robustelli (linguista dell’Università di Modena e Reggio Emilia), affronta queste tematiche, con l’obiettivo di far conoscere i meccanismi legati al sessismo e soprattutto di rendere consapevoli le persone verso un cambiamento sociale e giuridico, oltreché linguistico.

L’evento è organizzato da CCO – Crisi Come Opportunità, insieme a Grammatica e sessismo e a Noi Rete Donne

Le autrici
Stefania Cavagnoli è docente di linguistica applicata e glottodidattica presso l’Università di Roma Tor Vergata, dove dirige il Centro linguistico di ateneo. Autrice di volumi e articoli anche a livello internazionale, lavora da anni sull’educazione linguistica plurilingue, con focus sul linguaggio giuridico, e particolare riferimento alla lingua di genere. Interessata al lavoro interdisciplinare, collabora con molti ordini professionali per la formazione linguistica ed è vicecoordinatrice del centro di ricerca Grammatica e sessismo. È autrice, insieme a Francesca Dragotto, del volume Sessismo pubblicato nella collana Lessico Democratico di Mondadori Università.
Francesca Dragotto insegna linguistica generale e sociolinguistica in numerosi corsi di laurea dell’Università di Roma «Tor Vergata». Nello stesso ateneo dirige il centro di ricerca multidisciplinare «Grammatica e sessismo» e il corso di formazione «Cittadinanza attiva e paritaria. La decostruzione degli stereotipi sociali per prevenire e contrastare la violenza di genere». Ha interesse e curiosità per tutto quanto ha a che fare con il linguaggio e le lingue. Dal 2020 ha assunto la direzione del monitoraggio RAI per la rappresentazione della figura femminile, la coesione sociale e il contrasto all’hate speech nella programmazione RAI.

L’evento sarà trasmesso in streaming sul canale YouTube dell’Università di Roma Tor Vergata

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione

Modulo per iscriversi all’evento in presenza

“Viaggiare da fermi ai tempi del Covid”

Giovedì 2 settembre alle ore 17:30
nel giardino della Casa Internazionale delle Donne in via della Lungara 19, Roma si presenta il romanzo di
Serena Luciani Viaggiare da fermi ai tempi del Covid, edito da Strade Bianche di Stampa Alternativa.
Insieme all’autrice ne parlano: Marcello Baraghini, editore Francesca De Carolis, giornalista e scrittrice Annamaria Baiocco, responsabile Lega Ambiente Garbatella

Prenotazione obbligatoria al link: https: https://forms.gle/qJUpx9yWvP1nwupa6

Ingresso consentito ESCLUSIVAMENTE ai possessori di green-pass o certificazione